31 ottobre 2011

La popolazione mondiale ha raggiunto quota 7 miliardi!

Lunedì 31 ottobre per la prima volta la popolazione del pianeta raggiungerà i 7 miliardi di persone. E' una stima dell'ONU.

"Abbiamo raggiunto 6000 milioni appena nel 1999, e dodici anni dopo siamo a sette miliardi, sollevando dubbi sul fatto che riusciremo a ottenere 8, 9 miliardi o oltre senza vedere aumentare i tassi di mortalità relativi alla insicurezza alimentare , alle malattie, ai conflitti ", dice Robert Engelman, direttore del World Watch Institute di Washington DC .


Attorno al 1800, il demografo Thomas Robert Malthus avvertì che la fornitura di cibo non sarebbe stata in grado di tenere il passo con un crescente numero di persone. E ha previsto che a una certa soglia, che fissò a un miliardo di persone, ci sarebbero state massicce epidemie, carestie, e un disastro nel numero di esseri umani.

E ancora oggi, la popolazione umana è sette volte la soglia di crisi di Malthus'. Certo, epidemie e carestie rimangono un problema grave in molte parti del mondo. Ma l'essere umano medio sta vivendo una vita più lunga e sana che ai tempi di Malthus, che ha portato alcune persone a respingere la teoria di Malthus.

Non così in fretta, dice Jonathan Foley, direttore della University of Minnesota’s Institute on the Environment.

"Gli esseri umani non sono esenti dalle osservazioni di Malthus. Abbiamo appena rinviato ancora e ancora e ancora attraverso l'innovazione ".



Foley dice che la rivoluzione industriale, la rivoluzione verde e altre nuove tecnologie hanno incrementato la produttività agricola ben oltre ciò che Malthus aveva previsto. "Ma alla fine della giornata, fantasma di Malthus è ancora in agguato sopra di noi", aggiunge.

Finora, noi possiamo avere innovato la nostra via d'uscita dalla fame di massa e da altri problemi, ma quelle molte innovazionio hanno creato una serie di problemi ambientali che minacciano il nostro futuro, dice Foley.

Prendete l'agricoltura, per esempio. "Per nutrire sette miliardi di persone occorre un sacco di terra, un sacco di acqua, e un sacco di energia". "Il 40 per cento di tutta la terra sul pianeta è dedicata alla crescita del cibo, il 70 per cento di tutta l'acqua che consumiamo viene utilizzato per irrigare le coltivazioni. E circa un terzo di tutte le emissioni di gas serra provengono dall' agricoltura ".

Questo rende l'agricoltura il solo unico e grande contributo al cambiamento climatico, la perdita delle speci, e la scarsità idrica globale, che stanno raggiungendo punti critici. E Foley dice che siamo già vivendo diverse limitazioni.

"Il limite della nostra capacità di nutrire il mondo, la nostra capacità di stabilizzare il nostro clima, la capacità di mantenere intatta la biosfera, e la capacità di mantenere intatte le nostre risorse idriche. Non possiamo inventare la nostra uscita da ogni limite. Possiamo spingerci sempre più vicino ai limiti fisici del pianeta, ma stiamo gia vivendo oltre i nostri limiti."

Tuttavia, afferma Laurie Mazur, direttore della ong Population Justice Project "Se ciascuno sul pianeta mangia come le persone in India, per lo più vegetariani, la produzione agricola mondiale potrebbe nutrire oggi circa 10 miliardi di persone".

In altre parole, non ci sarebbe alcuna scarsità di cibo.

"Ma d'altra parte, se noi tutti abbiamo mangiato come si è fatto negli Stati Uniti, una dieta a base di carne molto intensa, la relativa produzione agricola andrebbe ad alimentare solo due miliardi e mezzo di persone".

Questo perché il 40 per cento dei raccolti odierni sono utilizzati come mangimi per animali, rendendo la produzione di latte e carne tra i più inefficienti tipi di agricoltura. Nel frattempo, oggi la maggior parte del consumo viene dai paesi sviluppati. Ma questo sta cambiando velocemente almeno ne grandi paesi sviluppati come Cina e India.

Non c'è consenso su quanti abitanti potrebbe sostenere la Terra, ma quello che andrebbe fatto è soprattutto un accesso equo alle risorse, anche ambientali. Negli Stati Uniti ogni individuo consuma 400 litri di acqua al giorno mentre in Etiopia solo 8-10. Quindi, laddove ci sono degli sprechi occorre intervenire, mentre dove le risorse scarseggiano bisogna investire affinché possano essere accessibili a tutti.

Nessun commento:

Post più popolari

CONTRO LA CENSURA DI FACEBOOK ISCRIVETEVI SU TELEGRAM


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...