31 gennaio 2012

Scoperto in Antartide un batterio super-resistente agli antibiotici!

Nelle acque del mare antartico sono stati trovati batteri resistenti a quasi tutti i tipi di antibiotici. Non è chiara l origine, sembra inverosimile che siano autoctoni. Björn Olsen dell Università di Uppsala in Svezia, e i colleghi Bernardo O Higgins, Arturo Prat e Fildes Bay, hanno prelevato campioni di acqua di mare tra i 10 e i 300 metri dalla stazione cilena di ricerca in Antartide. Un quarto dei campioni di batteri dell Escherichia coli possiede geni che fabbricano un enzima chiamato ESBL, che può distruggere la penicillina, le cefalosporine e gli antibiotici correlati. Batteri con questi geni possono essere ancora più pericolosi rispetto al più noto superbatterio MRSA.

Si sospetta che provengano dalle acque reflue della stazione di ricerca, che non vengono trattate. I superbatteri possono sopravvivere in natura, usando gli animali come serbatoio. Dei pinguini trovati vicino alle stazioni di ricerca cilene sono stati controllati e ma non erano portatori di ESBL, anche se Olsen si sta concentrando ora sui gabbiani della zona.

La notizia era appena trapelata che vari siti blog hanno cercato di dare una loro interpretazione. Spuntano le ipotesi più fantascientifiche, una in particolare, che i batteri, antichissimi, siano sopravvissuti lì per le particolari condizioni di clima, oppure un recente disgelo avrebbe interessato anche il corpo di un animale imprecisato, vissuto in tempi remoti, portatore dei batteri.

Sembra di vivere in un film del 2009 The Thaw , nel quale una spedizione scopriva in pratica che un orso aveva mangiato carne di mammuth scongelato ed infestato, non di batteri ma di una sorta di insetto, che produceva uova nei corpi delle vittime, che poi diventano larve ed infine adulti che cercavano l uscita, terribile!!!!

Nessun commento:

Post più popolari

CONTRO LA CENSURA DI FACEBOOK ISCRIVETEVI SU TELEGRAM


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...