10 luglio 2013

Shopping bellico, dopo gli F35 l’Italia acquisterà 12 nuove navi per tre miliardi!


navi-da-guerra.jpg
Andrea Koveos su La Notizia - Venti miliardi l’anno per le spese militari. E paghiamo noi. Miliardi che escono dalle casse dello Stato e che nessun governo ha mai tagliato. Solo per il personale il ministero della Difesa liquiderà quest’anno 9 miliardi e mezzo di euro di stipendi. E questo è niente.

La Marina ha annunciato l’acquisto di 12 nuove navi con un costo di 250 milioni a unità, per un totale di 3 miliardi. Ma la lista della spesa (dichiarata dal dicastero) è ancora lunga: un miliardo e mezzo di euro per 249 blindati freccia, 200 milioni per 4 sommergibili di nuova generazione, 655 milioni per le fregate Fremm, 60 milioni per un numero non precisato di elicotteri da combattimento, a cui vanno aggiunti esborsi per portaerei, missili




 terra aria, mortai e siluri.
E per fortuna che il nostro Paese non è in guerra! Eppure, a scanso di guerre termonucleari globali, ospitiamo sul nostro territorio 70 bombe atomiche statunitensi B-61 (20 nella base di Ghedi a Brescia e 50 nella base di Aviano a Pordenone) adatte al trasporto sui nuovi 90 cacciabombardieri F35, il cui costo di acquisto – ricordiamo – si attesta sui 14 miliardi di euro.

Se la nostra Costituzione ripudia la guerra perché si spendono così tanti soldi per corazzare le forze armate? Una risposta è arrivata dall’ex ministro Di Paola, che in un’audizione alla Camera, disse che siamo sotto attacco di diverse minacce: terrorismo internazionale, armi di distruzione di massa e vettori balistici. C’è dell’altro. Sarebbe in pericolo la nostra libertà di accesso e commercio delle materie prime, nonché il costante rischio di attacchi cibernetici.

A questo punto il problema non è la veridicità delle dichiarazioni di Di Paola, ma degli strumenti che il nostro Paese ha deciso acquistare per difendersi. Occorrerebbe capire, cioè, se le armi comprate in questi anni siano coerenti e proporzionali ai pericoli a cui siamo esposti. Non si può sparare a una mosca con un cannone.

Che senso ha, quindi, comprare degli F35 – aerei d’attacco in grado di trasportare armi nucleari – per combattere il terrorismo internazionale? Gli elicotteri da combattimento o i sommergibili servono a scongiurare gli attacchi informatici? A questo tipo di quesiti i governi si sono sempre difesi con le “solite” giustificazioni: le ricadute tecnologiche e occupazionali sono importanti. Ricadute, per altro, su cui non tutti sono d’accordo.

Secondo la Difesa, tanto per fare un esempio, tutto il progetto F-35 creerà 10 mila posti di lavoro; ma fonti sindacali assicurano che le assunzioni non saranno più di mille e 500, in quanto solo lo stabilimento di Càmeri (Novara) ha bisogno di nuovo personale.

I cacciabombardieri, le fregate e altri sistemi d’arma hanno dietro costi che non possono



 essere giustificati solo con la minaccia terroristica, con la creazione di posti di lavoro o ancora con una generica sicurezza del Paese. Lo stesso ministro con l’elmetto, Mario Mauro, ha mostrato qualche difficoltà a giustificare uscite di cassa così elevate, trincerandosi con una frase (“per amare la pace, bisogna armare la pace”) non proprio azzeccata.

Del resto quando si parla di spesa militare in Italia il vero obiettivo mancato è la trasparenza. Lo dice l’archivio Disarmo (istituto italiano di ricerche internazionali) e lo confermano autorevoli istituti internazionali. Ad oggi dunque nessuno sa l’ammontare preciso dei costi degli armamenti.

Il ministero ha sempre sostenuto che rispetto al Pil la spesa militare equivale allo 0.9%. Non la pensa così, però, l’istituto Sipri (Stockholm International Peace Research Institute) che sostiene invece che il nostro Paese ha speso in media nel periodo che va dal 2005 al 2009, l’1.8% del Pil.

La cosa certa è i vari governi hanno ridotto drasticamente le spese sociali, per la scuola, per l’università, per la ricerca, per i beni culturali. Eppure il Paese desideroso di proiettare la propria azione sugli scenari internazionali, non esita a sostenere ben 26 missioni nel mondo, a volte con risultati per nulla scontati e non per forza positivi.


14 commenti:

Anonimo ha detto...

e che sia una sorta di riciclaggio di danaro?!?!

Anonimo ha detto...

Nei Trattati europei, modificati dal Trattato di Lisbona, è precisato che gli Stati membri si impegnano ad armarsi progressivamente. Non c'è una frase altrettanto forte per il sociale e il lavoro. Se non si eliminano questi trattati, sottoscritti a nostra insaputa, non c'è Costituzione che possa proteggerci.

Anonimo ha detto...

Siamo entrati in guerra e ci stiamo preparando con gli armamenti, non so se l'avete capito.
Tutte le guerre, chissà perchè, sono state anticipate da crisi economiche.
detto tutto,

Anonimo ha detto...

Che siamo entrati in guerra siamo d'accordo, ma qui la domanda sorge spontanea; contro chi? contro il resto del mondo? o a breve contro noistessi?
Chi vivrà vedrà!

Anonimo ha detto...

Seguo il vostro sito da parecchio tempo e noto che chi scrive gli articoli è pessimista negativo ed allarmista ma poco obbiettivo e costruttivo non vedo il problema su questo ultimo vostro articolo..Ci stiamo preparando per la Terza Guerra Mondiale? Dov'è il problema? Non è questo che aspirate? Perchè così sembra, la vostra critica così aspra e feroce verso tutto e tutti contribuirà sicuramente anche a incoraggiare i lettori in quell'obbiettivo che prima o poi sarà inevitabile leggendo i vostri articoli. Pregherei un pò di moderazione sui vostri articoli io sono un pacifista ma c'è modo e modo di spiegare un problema.
Grazie

David

Anonimo ha detto...

Ammiro il tuo pacifismo,ma domandati se chi governa o controlla i fili di questo mondo lo sia a sua volta. Cosa che dubito fortemente dato che nell'ultimo mezzo secolo si sono continuamente combattute Guerre insulse asl solo scopo di aver il predomineo dell'intero pianeta e questo non'è pessimismo,ma realismo. Secondo la logica del bicchiere mezzo piano e mezzo vuoto chi è realmente realista e chi utopista? Ve lo spiego subito Chi vede il bicchiere mezzo vuoto e un realista dato che sa che il bicchiere prima o poi si svuoterà dato che nessun sano di mente riempirebbe un bicchiere già mezzo pèioeno.................Ho sbaglio? Mentre chi vede il bicchiere mezzo pieno e solo un'illuso che crede nelle favole e non nella relatà delle cose senza contare che cerca di nasacondere o distogliere l'attenzione da ciò che è reale. In pratica i pessimisti sono realisti,mentre gli ottimisti sono degli illusi. Quando capirete un concetto del genere probabilmente sarà troppo tardi. Ricordo e sottolineo che se siamo a questi punti lo dobbiamo maggiormente proprio a gli ottimisti. GRAZIE OTTIMISTI PER AVERCI RIDOTTO IN QUESTO STATO. RICORDO CHE SE C'Eè DA DARE LA COLPA A QUALCUNO,NON C'E' CHE DA GUARDARSI ALLOO SPECCHIO. CIAO A TUTTI. NO AL NWO E NON AKLLE SCIE CHIMICHE. SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

Anonimo ha detto...

Mi scuso anticipatamente per eventuali errori grammaticali. Sono stato troppo preso dalla foga a sentire una miriade di cazzate utopistiche e manipolatore della realtà e verità anche se pur relativa da chi la osserva.

Anonimo ha detto...

Per gli "Ottimisti" ricordo che è dall'alba dei tempi che gli esseri "Umani" non fanno altro che sterminarsi gli uni con gli altri e muoversi guerra per i più futili e svariati motivi. Quindi non vedo cosa ci sia da stupirsi dato che è intronseco nella nostra razza non aver rispetto ne di noi stessi e gli altri ne tanto meno del pianeta sul quale viviamo.

“La razza umana non ha alcun rispetto di se stessa né del pianeta in cui abita perché tutto sommato sa che il suo è un destino di morte e di distruzione e pertanto sa che vivendo in un universo illogico, non vale la pena di costruire una logica”.
Di: ( Carl William Brown ).

"Quando avremo abbattuto l'ultimo albero,prosciugato i fiumi,inquinato cieli,mari e terra allora e solo allora ci accorgeremo che il denaro non si può mangiare". Di: (Anonimo).

NO AL NWO.

Anonimo ha detto...

come ben si legge nell'apocalisse, satana preparò i governanti del mondo per una guerra (armageddon), le forze del male contro CRISTO. Personalmente pensavo ad una favola ma .......

Anonimo ha detto...

Rispondo all'anonimo che mi ha definito un l'illuso.
Io non sono un illuso, l'illusione è una condizione mentale. Anche io sono realista e nè pretendo e nè mi aspetto che questo mondo migliori durante o entro la fine della mia breve vita. Però smettiamo di lamentarci che il mondo dovrebbe essere migliore. Il mondo non è forse migliorato per certi aspetti che durante il medioevo o la preistoria eppure ci sono state persone che comunque hanno vissuto e apprezzato quello che la vita offriva in quei periodi bui e tristi e si sono pure distinti per cose positive.Cerchiamo inanzitutto nel nostro piccolo di non lamentarci e contribuire positivamente a migliorare durante il periodo che viviamo e magari ad apprezzare di più, poi quello che succede succede.
Avrò magari vedute diverse dalle tue e per carità non te ne faccio una colpa ma io ripongo la mia speranza in Dio e non chiedo nient altro. D'altra parte è già di per se una cosa positiva esistere o sbaglio?

ps. comunque non volevo farne una discussione io condivido l'informazione libera e la realtà dei fatti è giusto che si sappia ma ho fatto presente che su questo sito, visto che lo seguo,ci fosse un pò più di moderazione, verifica dei fatti autentica e non allarmimismo e critica indiscriminata.

Peace and Love

David

Anonimo ha detto...

Tu potrai anche avere fiducia in una "Divinità" ma con questo non vuol dire che: 1: Esista. 2: Lui creda veramente in tè. 3: Se realmente esistesse perchè non aiuta i suiu figli creati a sua immagine e somiglianza? 4: Se "Dio" a realemte creato l'uomo a sua immagine ciò significa che anche lui commette degli errori,senza considerare che nessuna divinità omminesciente creerebbe una razza autodistruttiva.
"Non sono gli "Dei",i sistemi,le religioni ho le leggi in cui crediamo a rendereci umani.Ma il modo in cui decidiamo d'agire che ci rende tali. Di: (Gattolin Ivano).

P.S. Senza considerare che quello che noi definiamo "Dio" altro non sia popoli che che hanno vissuto sulla terra molto prima dell'uomo e avendo conoscienze tali da saper riprodurre o creare altri esseri viventi tra quali noi e poi abbiano deciso di abbandonarci per vedere se le loro creature si evolvessero in maniera similare ho migliore delle loro stesse aspettative dato che il noistro DNA è molto più simile a quello delle scimmie e dei mailai che a quello di qualche Divinità omminesciente. Questa e scienza e non teologia ho religione. Se "Dio" esistesse? che siamo andati a scuola a fare? Darwin allora era un blasfemo che sarà finito negli inferi! Capisco le tue idde e motivazioni,ma un pò di razionalità e consapevolezza forse sarebbero più graditi. NO AL NWO,NO ALLE SCIE CHIMICHE. SI ALLA PACE TRA TUTTE LE RAZZE E NON DI SANGUE ROSSO,VIVA L'AMORE. CIAO A TUTTI. dIMENTICAVO CHE ANCHE NOI SIAMO DEI DATO CHE RIUSCIAMO A CREARE LOA VITA SENZA AVER BISOGNO DI NESSUN SUPER POTERE DIVINO.

Anonimo ha detto...

Intervista al Killer economico (youtube), e capirete perchè dobbiamo acquistare queste armi al di la se ci sarà una guerra a breve o no !! LA COLPA E' DEGLI AMERICANI CHE HANNO IL PREDOMINIO IN TUTTO IL MONDO .....e chi non fa il loro gioco viene attaccato, destabilizzato ed infine bombardato !!!! ok ? AMERICANI GO HOME

IL SISTEMA MONETARIO è UN INGANNO CHE TIENE SOTTO SCACCO TUTTI GLI ESSERI UMANI NONCHè TUTTI GLI ESSERI VIVENTI DELLA TERRA.

chiudo con una nota personale e se volete fantascentifica. Non ci sarà nessun intervento ne Divino, ne alieno o altro che sistemerà le cose nel mondo, ma soltanto quando il livello di radiazioni nucleari avrà superato la soglia che minaccerà tutto il sistema solare e tutto l'equilibrio universale, allora al quel punto la Terra verrà resettata e con lei anche la Sua razza di stupidi Umani.

Anonimo ha detto...

Concordo se proprio si vuole avere fiducia in qualcosa o qualcuno quelli siamo noi stessi. Nessuno ci aiuterà mai se non siamo noi stessi ad aiutarci. Se poi seguiamo le regole della bibbia ho delle religioni,prima si commette il peccato e poi si ci avra il perdono solo confessandosi e dicendo qualche ave maria. Ma cosa siamo dei coglioni? Io uccido una persona e poi mi confesso e chiedo il perdono per avere l'assoluzione! Irrazionalità e pura fantascienza. Vorrei vedere se tutti quelli che in Italia vanno in chiesa ho credono in "Dio" e poi si comportano di conseguenza. Si predica bene e si razzola male.Niente di più niente di meno. La chiesa su questo fatto sarebbe la prima ad essere giudicata dato che fin dall'alba dei tempi si è ucciso,sterminato,deriso e descriminato gli altri in nome di "Dio". La religione cristiana fu fondata dall'imperatore costatntino al concilio di NICEA nel 325 D.C per mano di filosofi,teologi,astronomi,ecc. Al solo scopo di non avere una rivoluzione interna dato i numerosi scontri interni con quest'ultimi. Senza considerare che la figura di Gesù fu scilta tra Numerosi messia che più o meno condividevano gli stessi ideali del "figlio di "Dio". Storia. Vorrei sapere quanti di questi cristiani hanno realmento letto la Bibbia e ne hanno compreso il vero significato. Ricordiamoci poi l'intero stermineo dei primo geniti egizi per mano del nostro "dio" al solo scopo di vendetta per il genocidio dei primo geniti ebrei. Quale "dio" farrbbe ciò,tanto più mosso per vendetta. Se la storia e realmente quella che ci anno isnegniato,prefersico non credere in nulla se non in me stesso e nel mio potenziale di espandermi entro limiti non prestabiliti da regole create dall'uomo. A tutti i cosiddetti cristiani vi ricordo il libero arbitrio. CIAO A TUTTI.

Veronica ha detto...

C'e' sempre il Vaticano dietro tutto questo , che spinge all'acquisto , va tutto nelle loro tasche