26 dicembre 2017

Le Tenebre di Fukushima

Gli effetti delle radiazioni del triplo crollo della centrale nucleare di Fukushima Daiichi si fanno sentire in tutto il mondo.
Sia che intacchino la vita marina che gli esseri umani, si accumulano nel tempo. L’impatto si sta lentamente attenuando solo per mostrare i suoi veri colori in una data futura imprevedibile. 
È così che funzionano le radiazioni, lente ma sicuramente distruttive; serve tempo per identificarne i rischi, nel senso che una fusione nucleare ha l’impatto, per decenni, di 1.000 incidenti industriali regolari, forse di più.
Di Robert Hunziker
Counterpunch

Sono passati sei anni da quando il triplo crollo totale si verificò a Fukushima Daichii l’11 marzo 2011, al giorno d’oggi soprannominato “311”. Col passare del tempo, è facile per il mondo in generale perdere la cognizione delle gravi implicazioni del più grande disastro industriale del mondo; fuori dal campo visivo funziona così.
Secondo le stime del governo giapponese e della TEPCO (Tokyo Electric Power Company), lo smantellamento andrà effettuato di decennio in decennio – molto probabilmente quattro decenni – con un costo fino a 21 trilioni di ¥ (189 miliardi di dollari). Tuttavia, questa è la parte più semplice da comprendere sulla storia del disastro nucleare di Fukushima. 
La parte difficile e dolorosa è in gran parte nascosta alla visione pubblica attraverso una severa restrittiva legge nazionale sulla segretezza (Legge sulla protezione dei segreti appositamente designati, legge n. 108/2013), la pressione politica a bizzeffe e la paura di esporre la verità sui pericoli inerenti le fusioni dei reattori nucleari. I potenti interessi impliciti lo vogliono nascondere.
Dopo il passaggio dell’atto di segretezza del governo del 2013 – che afferma che i funzionari o altri che “svelano segreti” dovranno affrontare fino a 10 anni di prigione, e coloro che “istigano fughe”, specialmente i giornalisti, saranno soggetti a una pena detentiva fino a 5 anni – il Giappone è sceso sotto la Serbia e il Botswana nell’indice World Press Freedom di Reporters Without Borders. L’atto di segretezza, fortemente criticato dalla Japanese Federation of Bar Association (Federazione giapponese delle associazioni di avvocati), è un atto spudorato di totalitarismo abbottonato nel momento stesso in cui i cittadini hanno bisogno e infatti richiedono trasparenza.
Lo stato attuale, secondo Mr. Okamura, un manager TEPCO, a novembre 2017 è questo: “Stiamo affrontando quattro problemi: (1) ridurre le radiazioni sul sito (2) arrestare l’afflusso di acque sotterranee (3) recuperare il fuel rod e (4) recuperare il combustibile nucleare fuso. “(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)
In breve, non sono cambiate molte cose in quasi sette anni negli stabilimenti, anche se decine di migliaia di lavoratori hanno ripulito la campagna di Fukushima, lavato le strutture, rimosso il terriccio e conservatolo in grandi sacchi di plastica nera, che si estendono da un capo all’altro di Tokyo e Denver, e ritorno.
Accade che, tristemente, la completa fusione nucleare sia quasi impossibile da sistemare perché, in parte, nessuno sa come reagire. Ecco perché Chernobyl ha sigillato l’area che circonda il suo tracollo nel 1986. Seguendo la stessa linea, secondo Shunji Uchida, direttore di Fukushima Daiichi : “I robot e le macchine fotografiche ci hanno già fornito preziose immagini. Ma non è ancora chiaro cosa stia realmente accadendo all’interno.”(Fonte: Martin Fritz, L’illusione della normalità a Fukushima, Deutsche Welle-Asia, 3 novembre 2017)
Sette anni e loro non sanno ancora cosa sta succedendo lì dentro. È il dilemma della Sindrome della Cina del bollente corion radioattivo fuso che scava l’interno della Terra? Sta contaminando le falde acquifere? Nessuno sa, nessuno può sapere, che è uno dei maggiori rischi della fusione nucleare, nessuno sa cosa fare. Non esiste una playbook per il 100% di disastri. Fukushima Daiichi lo dimostra.
“Quando si verifica un grave disastro radiologico e colpisce vaste aree di terreno, non può semplicemente essere ripulito o riparato.” (Fonte: Hanis Maketab, Environmental Impacts of Fukushima Nuclear Disaster Will Last ‘decades to centuries’ – Greenpeace, Asia Correspondent, 4 marzo 2016).
Nel frattempo, l’industria nucleare mondiale ha piani di crescita ambiziosi, circa 50-60 reattori attualmente in costruzione, per lo più in Asia, e 400 o più piante planimetrate. I sostenitori di Nuke affermano che Fukushima è in fase di pulizia, quindi di non preoccuparsi perché le Olimpiadi arriveranno tra un paio d’anni, inclusi gli eventi che si terranno nel cuore di Fukushima, e l’economia agricola locale fornirà cibo fresco.
Le Olimpiadi sono la punta di diamante di Abe per dimostrare al mondo che tutto va bene nel più pericoloso, e fuori controllo, sito di incidenti industriali. E sì, è ancora fuori controllo. Tuttavia, il governo Abe non ne è interessato. Comunque sia, i rischi sono molteplici e probabilmente non ben compresi. Per esempio, cosa succederebbe se un altro terremoto causasse ulteriori danni a strutture nucleari già danneggiate che sono tenute precariamente insieme a speranze e preghiere, soggette a massicce esplosioni di radiazioni? Cosa succederebbe? Dopo tutto, il Giappone è un territorio sismico, che ne definisce anche i confini geografici. Il Giappone ha normalmente 400-500 terremoti in 365 giorni, o circa 1,5 terremoti al giorno.
Secondo il Dr. Shuzo Takemoto, professore del Dipartimento di Geofisica della Scuola di specializzazione in Scienze dell’Università di Kyoto: “Il problema dell’Unità 2 … Se dovesse accadere un grande terremoto, verrebbe distrutta e disperderebbe il combustibile nucleare rimanente e i suoi detriti , rendendo l’area metropolitana di Tokyo inabitabile. Le Olimpiadi di Tokyo nel 2020 saranno quindi completamente fuori questione.” (Shuzo Takemoto, Potential Global Catastrophe of the Reactor No. 2 at Fukushima Daiichi, 11 febbraio 2017).
Dato che le Olimpiadi si terranno non lontano dal luogo dell’incidente nucleare di Fukushima Daiichi, vale la pena sapere cosa aspettarsi, ovvero le ripercussioni nascoste alla vista pubblica. Dopo tutto, è altamente improbabile che il Comitato Olimpico Giapponese affronterà i fattori di rischio di radiazioni per gli atleti e per gli imminenti spettatori. Il che fa sorgere una domanda: quali criteri ha seguito l’International Olympic Committee (IOC) nel selezionare il Giappone per le Olimpiadi estive del 2020 a fronte di tre tracolli nucleari al 100% totalmente fuori controllo? Come minimo, sembra una decisione spericolata.
Questo articolo, in parte, si basa su uno studio accademico che mette in luce gravi preoccupazioni sulla trasparenza in generale, sulle condizioni di salute della forza lavoro TEPCO e sulle morti improvvise, così come sui prossimi giochi olimpici, richiamando alla mente la domanda: la decisione di organizzare le Olimpiadi in Giappone nel 2020 è un atto di follia e un rozzo tentativo di coprire le devastazioni delle radiazioni?
Quindi, un’anteprima di ciò che sta accadendo dietro le quinte, così come all’interno, è offerta dal ricercatore Adam Broinowski, PhD (autore di 25 importanti pubblicazioni accademiche e Post Doctoral Research Fellow presso l’ Australian National University): “Informal Labour, Local Citizens and the Tokyo Electric Fukushima Daiichi Nuclear Crisis: Responses to Neoliberal Disaster Management ” (Lavoro informale, cittadini locali e la crisi nucleare di Tokyo Electric Fukushima Daiichi: risposte alla gestione dei disastri neoliberali), Australian National University, 2017.
Il titolo dello studio del dott. Broinowski fornisce un indizio intrinseco nel conflitto, nonché dell’opportunismo, che pone il capitalismo neoliberale applicato ai principi della “gestione delle calamità”. (Naomi Klein ha esplorato un concetto simile in The Shock Doctrine: The Rise of Disaster Capitalism, Knopf Canada, 2007).
La ricerca del Dr. Broinowski è dettagliata, completa e complessa. Il suo studio inizia scavando nell’impatto del capitalismo neoliberale, portando alla ribalta un’equivalenza del lavoro schiavistico con l’economia giapponese, specialmente in riferimento a ciò che egli chiama “lavoro informale”. Descrive in modo preminente l’assalto del lato dell’offerta sulle tendenze neoliberali in tutta l’economia del Giappone. Le esplosioni nucleari di Fukushima portano semplicemente a galla tutte le verruche e le imperfezioni endemiche del marchio neoliberale del capitalismo.
Secondo il professor Broinowski: “Il disastro in corso alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi (FDNPS), gestita dalla Tokyo Electric Power Company (TEPCO), dall’11 marzo 2011 può essere riconosciuto come parte di un fenomeno globale che è stato in fase di sviluppo per qualche tempo. Questo disastro si è verificato all’interno di un cambiamento sociale e politico iniziato a metà degli anni ’70 (economia dal lato dell’offerta, che si riflette fortemente sull’attuale quadro fiscale americano in esame) e che è diventato più acuto nella recessione del Giappone dei primi anni ’90 con la diminuzione della crescita economica e con una maggiore deregolamentazione e finanziarizzazione dell’economia globale. Dopo 40 anni di fedeltà aziendale in cambio di contratti a vita garantiti dai sindacati aziendali, mentre le protezioni tariffarie venivano ulteriormente innalzate e la forza lavoro era sempre più casualizzata, quelli maggiormente colpiti da un regime di benessere indebolito erano lavoratori irregolari, o quello che potremmo chiamare “lavoratori informali.”
In breve, i 45.000-60.000 lavoratori reclutati per decostruire e decontaminare Fukushima Daiichi e il luogo circostante per lo più venivano dalla strada, castoff dell’impatto del neoliberismo su “… sindacati indipendenti, resi impotenti, un numero crescente di disoccupati, giovani non qualificati e precari (liberi) insieme a lavoratori occasionali più anziani, vulnerabili e senzatetto (questi gruppi costituivano insieme circa il 38% della forza lavoro nel 2015) si sono trovati non solo (a) privi di assicurazione o (b) privi di protezione ma anche in molti casi (c) privati di bisogni primari. Con l’aumento della deindustrializzazione e della fuga di capitale, le dimostrazioni pubbliche di frustrazione e rabbia di questi gruppi si sono manifestate nei disordini di Osaka del 1992.”(Broinowski)
Le rivolte di Osaka di 25 anni fa descrivono il crollo della classe operaia nella società moderna, un problema che si è riversato nelle elezioni politiche nazionali in tutto il mondo, in quanto populismo / nazionalismo dettarono vincitori / vinti. A Osaka 1.500 lavoratori impetuosi assediarono una stazione di polizia (in qualche modo simile al film iconico di John Carpenter del 1976 Assault on Precinct 13) per l’oltraggio dei legami tra la polizia e i potenti “yakuza” giapponesi o gangster che corrompono la polizia per chiudere un occhio davanti ai sindacati, o ancora gangster che vengono pagati per reclutare, spesso con la forza, lavoratori per lavori manuali poco remunerativi per l’industria.
È così che TEPCO porta i lavoratori a lavorare in posti ad alto rischio e sensibili di radiazioni. Lungo la strada, i subappaltatori rastrellano la maggior parte del denaro stanziato per i lavoratori, determinando uno stile di vita subumano per i lavori più rischiosi e più pericolosi per la vita dei giapponesi, forse il lavoro più rischioso per la vita umana al mondo.
Il Giappone ha una lunga storia di assemblaggio e reclutamento di manodopera non qualificata a prezzi economici, il che è tipico di quasi tutti i grandi progetti industriali moderni. Il lavoro è semplicemente un’altra merce da utilizzare e poi buttare via. La Tokyo Electric Power Company (“TEPCO”) di Fukushima Daiichi aderisce a quelle pratiche di impiego feudale vecchie come il mondo. Assumono lavoratori tramite strati di subappaltatori al fine di eludere le responsabilità su incidenti, assicurazione sanitaria e standard di sicurezza, penetrando negli strati sociali inferiori che non hanno voce nella società.
In quanto tale, la TEPCO non è legalmente obbligata a segnalare incidenti industriali quando i lavoratori sono assunti tramite reti complesse o reti di subappaltatori; ci sono circa 733 subappaltatori per TEPCO. Ecco il processo: TEPCO impiega un subappaltatore “shita-uke”, che a sua volta impiega un altro subappaltatore “mago-uke” che si affida ai mediatori del lavoro “tehaishilninpu-dashi.” Alla fine della giornata, chi è responsabile per la salute e la sicurezza dei lavoratori? Chi è responsabile della segnalazione di casi di malattia da radiazioni e / o morte causati dall’esposizione alle radiazioni?
Basandosi su prove aneddotiche provenienti da fonti attendibili in Giappone, ci sono buone ragioni per ritenere che la TEPCO, così come il Governo giapponese, sopprima la conoscenza pubblica delle malattie dei lavoratori legate alle radiazioni e del loro decessso, così come la nasconde alla popolazione civile di Fukushima. In tal modo, essenzialmente, all’opinione pubblica mondiale – grazie, per esempio, anche agli entusiasti / sostenitori del pro-nuke – si sottolinea la sicurezza della produzione di energia nucleare a causa di così pochi morti segnalati in Giappone. Ma, ancora una volta, chi è responsabile della segnalazione delle morti dei lavoratori? Risposta: A parte un caso occasionale di morte da parte di fonti ufficiali, nessuno!
Inoltre, TEPCO non segnala i decessi dei lavoratori che si verificano al di fuori del luogo di lavoro, anche se la morte è un risultato diretto di eccessiva esposizione alle radiazioni sul posto di lavoro stesso. Ad esempio, se un lavoratore con malattia da radiazioni diventa troppo malato per andare a lavorare, morirà ovviamente a casa e quindi non sarà riportata come una morte correlata al lavoro. Di conseguenza, i sostenitori del pro-nucleare sostengono che Fukushima dimostra quanto sia sicura l’energia nucleare, anche quando va in tilt, perché ci sono così pochi morti – se non nessuno – da essere irrilevanti. Questa è una bugia in grassetto che viene discussa nel seguito: Fukushima Darkness – Parte 2.
“Come un lavoratore ha dichiarato a Fukushima Daiichi: ‘TEPCO è Dio. I principali appaltatori sono i re e noi siamo gli schiavi. In breve, Fukushima Daiichi illustra chiaramente la riproduzione sociale, lo sfruttamento e la disponibilità del lavoro informale nella protezione statale del capitale, delle società e dei loro beni. “(Broinowski)
In effetti, il Giappone è uno stato corporativo totalitario in cui gli interessi aziendali sono protetti dalla responsabilità di strati di subappaltatori e da interessi acquisiti di potenti organismi politici e leggi sul segreto di stato estremamente severe. Pertanto, si ritiene che le questioni di sicurezza e salute che riguardano il nucleare, inclusi i decessi, siano sottostimate e probabilmente non riportate affatto nella maggior parte dei casi. Pertanto, la visione del mondo dell’energia nucleare, rappresentata in Giappone a Fukushima Daiichi, è orribilmente distorta a favore della difesa nucleare. 
PARTE SECONDA

L’impatto del tracollo nucleare di Fukushima Daiichi si estende in lungo e in largo, poiché l’ecosistema emisferico viene investito da tonnellate di acqua radioattiva. Inoltre, la surrettizia circonda morti e malattie indicibili, eppure rimane uno degli episodi di giornalismo meno compresi e menzionati nella storia moderna.

Nello stesso periodo in cui il Giappone ha approvato il suo atto di segretezza totalitario – nel dicembre 2013 – ha approvato una legge ostruttiva sulla registrazione dei tumori, che rende illegale condividere dati medici o informazioni su questioni relative alle radiazioni, negando l’accesso pubblico alle cartelle cliniche, con multe fino a due milioni di yen o 5-10 anni di carcere per i soggetti trasgressori, una pena piuttosto rigida per sbirciare nei registri medici, che da l’impressione di qualcuno che corre spaventato.

Inoltre, e ancora più chiaramente, nel gennaio 2014 è stato firmato un accordo di riservatezza per il controllo delle informazioni mediche sull’esposizione alle radiazioni da IAEA, UNSCEAR, Fukushima e la Fukushima Medical University. Successivamente, tutte le informazioni sulle malattie da radiazioni sono segnalate ad un deposito centrale gestito dal Fukushima Medical Center e IAEA. A sua volta, il Fukushima Center for Environmental Creation è stato creato nel 2015 per comunicare “informazioni accurate sulle radiazioni al pubblico e dissipare l’ansia”. Ahem!
Bene, se non è conveniente questo, che l’archivio centrale di informazioni sull’esposizione alle radiazioni di Fukushima Daiichi e sulle malattie mediche correlate sia controllato dall’International Atomic Energy Agency -IAEA- ! Non è difficile capire che sia marcio fino al midollo, mi ricorda molto alcuni passi che vengono direttamente dalle pagine di ‘1984’ (1949) di George Orwell.
Nel frattempo, molti -ma non tutti- dei principali resoconti dei media sulle malattie e sulle morti causate dalle radiazioni a Fukushima sono figli di un giornalismo grossolanamente debole e incompetente, tipo il seguente: “L’ultimo aggiornamento (in aprile) da parte della World Nuclear Association al disastro di Fukushima: Non c’è stata nessuna morte e nessun caso di malattia da radiazioni dopo l’incidente nucleare … “(Fonte: Michael W. Chapman, 5 Years Later, Deaths Caused by Radiation Leak at Fukushima -O-, CNS News, 11 maggio 2016).
Secondo la World Nuclear Association, a partire da ottobre 2017: “Non ci sono stati morti o casi di malattie da radiazioni dall’incidente nucleare, ma oltre 100.000 persone sono state evacuate dalle loro case per renderlo possibile. Il nervosismo del governo ritarda il ritorno di molti “. Ecco un’ultima affermazione di zero morti a Fukushima, di Hannah Ritchie, pubblicata su Our World in Data, 24 luglio 2017: “Nel caso di Fukushima, anche se 40-50 persone hanno subito lesioni fisiche o ustioni da radiazioni nello stabilimento nucleare, il numero di morti direttamente legate all’incidente è pari a zero.”
E ancora, un articolo del 10 marzo 2016 su Forbes del Dr. James Conca, esperto di energia e bombe nucleari sporche, dice “Dopo cinque anni, qual è il costo di Fukushima? Stranamente, i costi che non si materializzarono mai erano i più temuti, quelli del cancro e delle morti indotte dalle radiazioni … Nessuno è stato esposto ad una dose sufficiente di veleno, nemmeno i 20.000 lavoratori che hanno lavorato instancabilmente per recuperare i danni di questo evento.
“Al contrario, si ritiene che i resoconti ufficiali delle malattie e delle morti indotte dalle radiazioni di Fukushima siano orribilmente sottostimati e / o manipolati intenzionalmente per mostrare pochi casi, se non nessuno. Sulla base di numerose testimonianze ottenute da giornalisti, avvocati e ricercatori indipendenti in Giappone e Stati Uniti, ci sono prove considerevoli di morti e malattie indotte dalle radiazioni.
Apparentemente, qualcuno ha torto sulla questione delle morti indotte dalle radiazioni, sia che si tratti di (1) fonti ufficiali attraverso notizie mainstream o (2) ricercatori / giornalisti / avvocati indipendenti che affermano di conoscere direttamente i deceduti. Una di queste due fonti è completamente fuori strada e fuorvia gravemente l’opinione mondiale, e ciò di per sé dovrebbe essere classificato come un atto criminale, come il processo dei nazisti a Norimberga (1945-49). In effetti, se si può dimostrare che le persone stanno coprendo e / o mentendo sulla malattia e sulla morte indotte dalle radiazioni di Fukushima, dovrebbero essere processate e imprigionate, come i criminali di guerra nazisti. Le implicazioni delle radiazioni diffuse non sono cosa da niente.
Quando si tratta di radiazioni incontrollabili, c’è un obbligo ecumenico di piena trasparenza come diritto fondamentale per tutta l’umanità, in tutto il mondo.
“È un vero peccato che le autorità nascondano la verità in tutto il mondo, a partire dalle Nazioni Unite. Dobbiamo ammettere che in realtà molte persone stanno morendo. Non siamo autorizzati a dirlo, ma anche i dipendenti della TEPCO stanno morendo. Ma loro continuano a parlarne, “Katsutaka Idogawa, ex sindaco di Futaba (prefettura di Fukushima), Disastro di Fukushima: Tokyo nasconde la verità mentre i bambini muoiono, e si ammalano per le radiazioni – Ex-Sindaco, RT News, 21 aprile 2014.
Anche i singoli medici in Giappone hanno riportato gravi problemi di salute collegati alle radiazioni, ad esempio: “Nell’aprile 2014, la dott.ssa Tsuda Toshihide, epidemiologa dell’Università di Okayama, ha dichiarato la presenza di una situazione epidemica di cancro alla tiroide e ha diagnosticato numerose malattie da radiazioni interne a lungo termine sotto i 100 mSv / y e sostenuto la creazione di un programma di rapida emergenza dentro e fuori Fukushima.” (Fonte: Adam Broinowski, PhD – autore di 25 importanti pubblicazioni accademiche e Post Doctoral Research Fellow, Australian National University. Informal Labour, Local Citizens and the Tokyo Electric Fukushima Daiichi Nuclear Crisis: Responses to Neoliberal Disaster Management, Australian National University, 2017.
“Allo stesso modo, un medico di Tokyo, la dott.ssa Mita Shigeru, ha fatto circolare una dichiarazione pubblica in cui ha informato i suoi colleghi della sua intenzione di trasferire la sua pratica a Okayama a causa di prove schiaccianti di sintomi insoliti nei suoi pazienti (circa 2.000). Dato che il terreno a Tokyo dopo Fukushima è tornato tra 1.000 e 4.000 Bq / kg, rispetto a una media di 500 Bq / kg (solo Cs 137) nel suolo di Kiev, Mita ha indicato una correlazione tra questi sintomi e la significativa contaminazione da radiazioni in Tōhoku e Tokyo. “(Broinowski)
“Le ceneri di una mezza dozzina di lavoratori non identificati sono finite in un tempio buddista in una città appena a nord della centrale nucleare di Fukushima. Alcuni dei morti non avevano documenti; altri non hanno lasciato contatti di emergenza. I loro nomi non potevano essere confermati e nessun membro della famiglia era stato rintracciato per identificare i loro resti. Sono stati semplicemente etichettati come “truppe di decontaminazione” – soldati sconosciuti nella massiccia campagna di pulizia del Giappone per rendere nuovamente vivibile Fukushima cinque anni dopo che le radiazioni hanno avvelenato le fertili campagne.” (Fonte: Mari Yamaguchi, Fukushima ‘Decontamination Troops’ Often Exploited and Shunned, AP e ABC Notizie, Minamisona, Giappone, 10 marzo 2016).
Mako Oshidori, direttore della Free Press Corporation / Japan, ha indagato su diverse morti non dichiarate di lavoratori e ha intervistato un’ex infermiera che ha lasciato la TEPCO: “Mi piacerebbe parlare della mia intervista a un’infermiera che lavorava alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi ( NPP) dopo l’incidente … Ha lasciato il suo lavoro con TEPCO, e in quel momento l’ho intervistata … A partire da ora, ci sono più lavoratori NPP che sono morti, ma solo quelli che sono morti sul posto di lavoro sono stati segnalati pubblicamente. Alcuni di loro sono morti improvvisamente mentre erano fuori dal lavoro, ad esempio durante il fine settimana o durante il sonno, ma nessuno dei loro decessi è stato riferito. “(Fonte: The Hidden Truth su Fukushima di Mako Oshidori, consegnata alla International Conference, Effects of Nuclear Disasters on Natural Environment and Human Health tenutasi in Germania nel 2014, co-organizzata da International Physicians for Prevention of Nuclear War).
“Non sono inclusi nel conteggio delle morti dei lavoratori. Per esempio, ci sono alcuni lavoratori che hanno lasciato il lavoro dopo un’elevata esposizione alle radiazioni … e finiscono per morire un mese dopo, ma nessuno di questi decessi viene segnalato o incluso nel bilancio delle vittime. Questa è la realtà dei lavoratori delle centrali nucleari, “Ibid.
Greenpeace ha condotto letture di radiazioni in tutta Fukushima. Di seguito Greenpeace / Japan Press Release -Tokyo, 21 febbraio 2017: “Il governo giapponese presto revocherà gli ordini di evacuazione per 6.000 cittadini del villaggio di Iitate nella prefettura di Fukushima dove i livelli di radiazione nelle foreste vicine sono paragonabili agli attuali livelli all’interno della zona di esclusione di Chernobyl a 30 km dal punto focale – un’area che oltre 30 anni dopo l’incidente rimane formalmente chiusa alle abitazioni. Itate ha il settantacinque per cento (75%) di montagne boscose contaminate.”
Nel corso del tempo, gli alti livelli di radiazione dalle montagne si riversano sulle aree ripulite in basso. In effetti, sulla base di diverse analisi di Greenpeace nella prefettura di Fukushima, gli ex abitanti di diverse comunità stanno tornando in città e villaggi dove i controlli a campione mostrano livelli inaccettabili di radiazioni.
“Di fronte alla realtà post-311 della politica governativa (e aziendale) che protegge gli interessi economici e di sicurezza invece che la salute e il benessere pubblici , la maggioranza dei 2 milioni di abitanti della prefettura di Fukushima sono o inconsapevoli o sono stati incoraggiati ad accettare una vita a contatto con la contaminazione radioattiva. Le persone asciugano i vestiti all’aperto, bevono l’acqua del rubinetto e consumano cibo locale, nuotano nelle piscine all’aperto e nell’oceano, consumano e vendono i loro prodotti o le loro cacciagioni. La pressione finanziaria dopo il 311 e il persistente pericolo di emarginazione sociale hanno reso più difficile l’adozione di misure precauzionali (trasferimento permanente, doppia sistemazione, importazione di cibo e acqua) e di sviluppo e condivisione di contro-narrazioni rispetto al messaggio ufficiale. Tuttavia, alcuni continuano a nascondere la loro ansia sotto una maschera di calma superficiale. “(Broinowski)
“Come ha osservato la cittadina residente di Fukushima, Shiina Chieko, la maggior parte delle persone sembra aver adottato la negazione come modo per eliminare il pericolo presente dalla loro coscienza. Sua cognata, per esempio, ha ignorato le “continue perdite di sangue” di suo figlio; mentre sua madre aveva deciso che la comunità doveva sopportare fingendo che le cose non fossero diverse dalle condizioni precedenti al 311. “(Broinowski)
L’esposizione alle radiazioni si manifesta anni dopo come una delle numerose malattie. Ciò conferisce all’industria nucleare un vantaggio in termini di tempo nelle sue dichiarazioni di posizione sulla sicurezza dell’energia nucleare. Dopo tutto, quando passa abbastanza tempo, chi può stabilire con sicurezza la causa della morte?
Tuttavia, Chernobyl fornisce un perfetto caso di studio delle morti provocate da radiazioni di lavoratori con un collegamento diretto, “liquidatori”, esposti alle radiazioni di Chernobly (1986), che rende noto che le radiazioni impiegano diversi anni a presentarsi come cancro e altri gravi disturbi: “Nel 2001, di 800.000 sani liquidatori russi e ucraini (con un’età media di 33 anni) inviati a decontaminare, isolare e stabilizzare il reattore, il 10% era morto e il 30% era invalido. Nel 2009, 120.000 liquidatori erano morti e si manifestò un’epidemia di malattie croniche e danni genetici e perigenetici nei discendenti dei lavoratori nucleari (si prevede che aumenti nelle generazioni successive). L’intera portata del danno non sarà compresa fino alla quinta generazione di discendenti. Verso la metà degli anni 2000, in tutta Europa 985.000 morti tra il 1986 e il 2004 sono stati calcolati come risultato diretto dell’esposizione alle radiazioni di Chernobyl. “(Broinowski)
Probabilmente Chernobyl prefigura un triste futuro per coloro che sono esposti alle radiazioni di Fukushima, residenti, operai o destinatari indicibili lungo l’estensione del mare che scorre, che è universale.
Come dimostra chiaramente Chernobyl: Nel tempo le radiazioni si accumulano negli organi corporei. Per un esempio di come le radiazioni distruggono i corpi umani di generazione in generazione, si prenda in considerazione USA Today, Chernobyl’s Legacy: Kids With Bodies Ravaged by Disaster, del 17 aprile 2016: “Ci sono 2.397.863 persone registrate al ministero della Sanità ucraino per ricevere assistenza sanitaria correlata a Chernobyl. Di questi, 453.391 sono bambini – nessuno nato al momento dell’incidente. I loro genitori erano bambini nel 1986. Questi bambini hanno una serie di malattie: respiratorie, digestive, muscoloscheletriche, malattie degli occhi, malattie del sangue, cancro, malformazioni congenite, anomalie genetiche, traumi. ”
Per quanto riguarda l’impatto diretto di Fukushima sugli americani che hanno contribuito al momento dei crolli, l’ex senatore John Edwards rappresenta i marinai colpiti da cancro che hanno interceduto su base umanitaria a bordo della USS Ronald Reagan. Secondo Edwards: “Abbiamo tutti questi marinai. Marinai il cui caso è ora vecchio di cinque anni, che sono morti o che stanno per morire adesso.” Edwards ha notato che alcuni dei suoi marinai hanno bambini nati con malformazioni. (Fonte: Bianca Bruno,Dying Navy Sailors Push for Trial on Fukushima Meltdown, Courthouse News.com, 1 settembre 2017).
L’avvocato Charles Bonner, rappresentante dei membri del servizio degli Stati Uniti esposti ai disastri di Fukushima, il 21 luglio 2015 (alle 10:45 su YouTube): Ora abbiamo 250 o più giovani marinai con tutti i tipi di malattie, e abbiamo avuto tre morti. Uno dei marinai è tornato a casa e ha impregnato sua moglie. Hanno dato alla luce un piccolo bambino nato con cancro al cervello e cancro lungo la spina dorsale, vissuto per due anni, e appena morto nel marzo di quest’anno. (Fonte: https://www.youtube.com/watch?v=V0zGbG2dTvo&feature=youtu.be&t=645)
L’avvocato di TEPCO, Gregory Stone, afferma che il suo cliente accetta la responsabilità per le radiazioni rilasciate, ma sostiene che la quantità di marinai esposti era trascurabile. Stone: “Le persone si ammalano in momenti diversi della loro vita per ragioni diverse”.
Dato che le persone senza troppe cerimonie, il più delle volte anonimamente, muoiono per esposizione alle radiazioni, l’amministrazione Abe mantiene la realtà sotto stretta sorveglianza, così come nasconde la potenza delle radiazioni di Fukushima Daiichi. E, di fronte alla prospettiva di non sapere cosa fare, porta avanti le Olimpiadi! Questa è una buona copertura per una situazione di caos, che fa sembrare alle centinaia di migliaia di partecipanti, così come alla comunità mondiale che vada “tutto bene”.
Ma è davvero così?
Poscritto: “Questi marinai dovrebbero essere molto sani. Non è una situazione normale. È incredibile che in soli quattro o cinque anni questi marinai sani si ammalino … Penso che sia il governo statunitense che quello giapponese abbiano qualcosa da nascondere.” L’ex primo ministro del Giappone dal 2001 al 2006 Junichiro Koizumi, citato dal New York Times il 31 dicembre 2016.

Nessun commento:

Post più popolari

CONTRO LA CENSURA DI FACEBOOK ISCRIVETEVI SU TELEGRAM


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...