26 febbraio 2018

Documenti CIA declassificati con foto mostrano Hitler ancora vivo dopo la 2°guerra mondiale

I documenti declassificati della CIA dimostrano che nel 1955 un informatore di spionaggio americano sostenne di aver incontrato Adolf Hitler in Colombia e come prova fornì immagini di sé con il Fuehrer più di un decennio dopo il suo presunto suicidio.



Sembra che il retro dei documenti CIA recentemente declassificati confermino l’autenticità di alcuni certificati dell’FBI riguardanti Adolf Hitler che affermano che il capo nazista fuggì in salvo dalla Germania dopo la caduta dell’impero nazista e fuggì in Sud America.


L’insieme dei documenti indica come nel 1955 la Hemisphere Division della CIA ricevette un documento segreto intitolato “Operativo: Adolf Hitler”, dal capo della stazione della CIA di stanza in Venezuela nome in codice Cimleody-3. Il documentato sottolineava che una delle sue fonti aveva ricevuto un suggerimento in cui dichiarava che Hitler era vivo e vegeto in Argentina.

Questo, tuttavia, non era la prima volta che venivano fatte affermazioni del genere. I consigli della CIA sembravano solo delle conclusioni autentiche tratte da precedenti documenti dell’FBI che sostenevano anche che un certo numero di “fonti top-secret” diceva che Hitler era vivoe vegeto in Sud America.
Documenti CIA declassificati


Phillip Citroen, un ex soldato delle SS che sosteneva di essere in comunicazione con Hitler, sostiene che il “führer” si trasferì dalla Colombia in Argentina nel gennaio del 1955.

I documenti della CIA declassificati suggeriscono che Citroen si sia fotografato con Adolf Hitler e l’immagine è stata inclusa nel memo della CIA. Hitler è presumibilmente sulla destra dell’immagine.

L’agente, stando al documento reso noto dai media e consultabile sul sito della Cia, sarebbe stato contattato il 29 settembre 1955 da un amico di fiducia che ha servito sotto il suo comando in Europa, e che attualmente risiede a Maracaibo.

Il documento della CIA afferma:

“L’amico di Cimelody-3 – si legge ancora – ha affermato che nel settembre 1955 Phillip Citroen, ex ufficiale tedesco, gli ha detto in via confidenziale che Hitler era ancora vivo”. Citroen sostenne di aver contattato Hitler una volta al mese in Colombia nel suo viaggio da Maracaibo a quel paese come dipendente della NKSM Shipping Company a Maracaibo.


C’è anche una fotografia, arrivata nelle mani dell’agente segreto, e contenuta nel file: Il 28 settembre 1955, l’amico di Cimelody-3 ha ottenuto la fotografia citata, e il giorno dopo è stata mostrata a Cimelody-3. Nell’immagine in bianco e nero si vede un uomo, che sembra assomigliare a Hitler. Dichiarò anche che Hitler lasciò la Colombia per l’Argentina intorno al gennaio del 1955. Citroen commentò che erano passati dieci anni dalla fine della Seconda Guerra Mondiale; gli alleati non potrebbero più perseguire Hitler come un criminale di guerra “.


Il messaggio concludeva che né l’informatore né la stazione della CIA erano in grado di fornire una valutazione dell’intelligence delle informazioni incluse nella nota, ma erano classificate come “di possibile interesse”.

Il capo della divisione dell’emisfero occidentale della CIA continuò a rivedere gli archivi dell’agenzia e scoprì che un anno prima un nuovo rapporto di base era stato preparato a Maracaibo dalla stessa fonte che non solo asseriva che Hitler non era morto ma affermò anche che c’era un’intera colonia di nazisti che viveva in Sud America.

Secondo Citroen, i tedeschi residenti a Tunja si rivolgevano ad Adolf Hitler come “der führer” e lo salutavano con il saluto fascista, aggiunge.

Pochi giorni dopo, il capo della stazione di Bogotà scrisse al capo della divisione dell’emisfero occidentale della CIA e chiese se voleva fare ulteriori ricerche sul presunto Hitler.

“Se il quartier generale lo desidera, la stazione di Bogotà può fare un’indagine su “Adolph Schuttlemayer“a Tunja, in Colombia”, dice la nota.


Una settimana dopo, il capo della divisione ha risposto ambiguamente.

Sebbene non fosse contrario a intraprendere ulteriori ricerche sulla questione, sentiva che “grandi sforzi potevano essere dedicati a questo argomento”, senza la possibilità di stabilire nulla di concreto.

Di conseguenza, ha suggerito di dimenticare il problema.

A cura di Ufoalieni.it

Ansa

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Fandonie

Anonimo ha detto...

Su Hitler vivo in Argentina, secondo altri 700 documenti declassificati se ne parla qui http://www.altrogiornale.org/beep-di-roberto-morini/

Post più popolari

CONTRO LA CENSURA DI FACEBOOK ISCRIVETEVI SU TELEGRAM


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...